loading

Interruzione dell'attività lucrativa – Occuparsi in anticipo delle questioni previdenziali

Prevedete di interrompere l'attività lucrativa? Vi conviene occuparvi in anticipo delle lacune previdenziali. Una volta cessata l'attività, per alcune assicurazioni sarà ormai troppo tardi.

Ci sono ragioni meravigliose che inducono a interrompere l'attività lavorativa. Diventare madre per esempio. Oppure uno studio post-diploma o un lungo congedo non retribuito. In questi casi, però, dovete riflettere anche sulle conseguenze per la previdenza.

Chiarite la situazione finanziaria prima del parto e richiedete eventualmente una consulenza. Nel caso di una regolare pausa maternità di 14 settimane la previdenza segue il normale percorso.

La legge prevede che le collaboratrici fisse ricevano l'80% del loro salario lordo per 14 settimane. In questo periodo la previdenza tramite il secondo pilastro continua invariata.

Assicurazione in caso di invalidità e decesso

I dipendenti solitamente sono assicurati nel primo e secondo pilastro. In caso di invalidità e decesso, le persone assicurate o i superstiti ricevono indennità giornaliere e rendite.

Per colmare eventuali lacune previdenziali, potete stipulare assicurazioni supplementari nell'ambito del terzo pilastro per il caso d'invalidità o di decesso. Fate attenzione a sbrigare la questione delle assicurazioni prima del parto.

Famiglia anziché attività lucrativa

Ci sono delle madri che dopo la pausa maternità continuano a dedicarsi al bambino rimanendo a casa. Portano, quindi, a termine l'attività lucrativa, almeno provvisoriamente.

A causa del reddito mancante, però, si riducono le prestazioni del primo e del secondo pilastro. L'avere del secondo pilastro viene trasferito a un istituto di libero passaggio e continua a crescere solo a livello di tassi d'interesse. Eventualmente troppo poco, poi, per la vecchiaia. In questo caso dovreste chiarire il vostro fabbisogno di copertura.

Lista di controllo: come procedere

Prima della nascita dovreste pensare ai seguenti punti:

  • Notifica del neonato alla cassa malati: Il bambino per i primi tre mesi è incluso nell'assicurazione della madre. Tuttavia, se si ammala nelle prime ore o nei primi giorni, ha bisogno di un'assicurazione propria, che deve essere stipulata prima della nascita. In caso di malformazioni, nascita prematura o tipiche malattie neonatali è responsabile l'AI.
  • Assicurazioni addizionali di casse malati: L'assicurazione dentaria o medicinali e prestazioni non a carico della cassa malati sono di carattere facoltativo e necessitano in parte di richieste alla cassa malati. Può, tuttavia, stipularle anche in un secondo momento.
  • Responsabilità civile assicurazione familiare: In qualità di genitori siete responsabili per tutto ciò che i vostri figli fanno. Se, per esempio, viene danneggiato un mobile prezioso, questi danni sono coperti.
  • Assicurazione mobilia domestica: Copre tutti i danni ai mobili causati da incendio, danni della natura, furto e inondazioni. Prestate particolare attenzione alla somma assicurata e al furto semplice fuori casa.

Viaggio intorno al mondo, formazione o semplicemente un periodo di congedo sabbatico. Se il congedo non retribuito dura meno di un mese, nell'ambito della legge siete assicurati contro tutti i rischi (vecchiaia, invalidità e decesso) in seguito a malattia o infortunio. Anche la previdenza professionale continua invariata.

Se siete assenti per oltre un mese, le prestazioni della cassa pensioni dipendono dal regolamento in vigore. Alcuni prevedono che riceviate le prestazioni per 6 mesi, altri 12 o addirittura 24 mesi durante il congedo non retribuito.

Lista di controllo: come procedere

  • Verificare la situazione previdenziale: In caso di necessità contattate il datore di lavoro e la cassa pensioni.
  • Pensare alla previdenza individuale: Dovreste pensare alla previdenza individuale per il periodo in cui non siete coperti dal secondo pilastro. In questo modo, con la ripresa del lavoro, potete colmare la lacuna di previdenza attraverso un acquisto nel secondo pilastro.
  • Invalidità e decesso: Se la protezione viene meno in caso d'invalidità o decesso, dovreste coprire i relativi rischi con un'assicurazione privata.
  • Soluzione di libero passaggio: Se lasciate il datore di lavoro, potete versare presso un'assicurazione o una banca il vostro avere di vecchiaia risparmiato, nell'ambito di una soluzione di libero passaggio.
  • Importo minimo dell'AVS: Se a causa di un viaggio prolungato non lavorate per un intero anno civile in Svizzera, dovete pagare su base facoltativa il contributo minimo annuale di 480 franchi per l'AVS. Eviterete, così, una lacuna di contribuzione. I pagamenti omessi possono essere trasferiti ancora per cinque anni con effetto retroattivo.

Copertura in caso di malattia e infortunio

Fintantoché siete registrati in Svizzera, l'assicurazione di base da parte della cassa malati è obbligatoria. Rimanete automaticamente assicurati. All'estero l'assicurazione di base obbligatoria paga al massimo il doppio dell'importo che la stessa cura costerebbe in Svizzera.

Stati Uniti, Australia e altri Paesi comportano il rischio di costi di cura più elevati. Osservate inoltre: 30 giorni dopo l'ultimo versamento del salario da parte del datore di lavoro termina la protezione dell'assicurazione contro gli infortuni obbligatoria.

Lista di controllo: come procedere

  • Copertura assicurativa: Fintantoché siete registrati in Svizzera, in caso di malattia e infortunio all'estero siete assicurati almeno tramite cassa malati.
  • Assicurazione per accordo: Per l'assicurazione contro gli infortuni, nel caso di un lungo soggiorno all'estero, è consigliabile un'assicurazione per accordo, di regola tramite l'assicuratore contro gli infortuni del datore di lavoro. In caso di assenza di oltre sei mesi dovete, tuttavia, stipulare un'assicurazione contro gli infortuni separata, o inserire questa come assicurazione supplementare nella cassa malati.
×