loading

Mettersi in proprio – assumendosi la responsabilità nei confronti dei collaboratori

Gli indipendenti si assumono il rischio – per ogni evenienza. Essi dovrebbero, pertanto, dedicare particolare attenzione alla propria previdenza e alle proprie assicurazioni.

Prima che la vostra impresa frutti finanziariamente, dovete investire. Un giovane imprenditore di regola ha bisogno di capitale. Se fondate una società di persone, potete utilizzare la prestazione di libero passaggio del secondo pilastro. Nel caso di una SA o di una Sagl ciò non è consentito. Riflettete bene se volete davvero investire il vostro capitale del secondo pilastro. Se l'attività non va bene, questa quota della previdenza per la vecchiaia è persa.

Piattaforme di consulenza

Ci sono, invece, altre possibilità di ottenere capitale – tramite fondazioni, iniziative di sostegno e investitori. La decisione riguardo alla forma giuridica della ditta deve essere, quindi, ben ponderata. Varie piattaforme di consulenza, fra cui l'Istituto per giovani imprese (IFJ) o la SECO, forniscono un prezioso aiuto.

Lista di controllo: come procedere

  • Per ricevere l'avere della cassa pensioni a titolo di capitale iniziale dovete dimostrare di esercitare realmente un'attività indipendente. Iscrivetevi presso la cassa di compensazione AVS. Inviate la conferma di ammissione alla cassa pensioni.

Gli imprenditori si assicurano

Se una persona che esercita un'attività indipendente si affilia a un'istituzione di previdenza del secondo pilastro, assicura di regola il reddito previsto. In questo caso si tratta, tuttavia, solo di una stima del salario – diversamente da quanto accade con i dipendenti, il cui salario di solito è noto in anticipo.

Assicurazioni complementari:

  • Assicurazione d'indennità giornaliera malattia: Si fa carico del vostro pagamento del salario in caso di malattia.
  • Assicurazione di responsabilità civile professionale: Vi protegge, tra l'altro, da richieste di risarcimento danni in caso di errori professionali.
  • Assicurazione della protezione giuridica: Vi rappresenta in relazione a questioni giuridiche.
  • Pilastro 3a: Copre i rischi di invalidità e decesso. Al contempo risparmiate sulle imposte.

Assicurare i collaboratori

In linea di massima, sottostanno alla LPP tutti i collaboratori soggetti all'AVS che percepiscono un salario annuo superiore alla cosiddetta soglia d'accesso. Attualmente la soglia d'accesso è di 21 150 franchi (situazione 2016).

Oltre alla previdenza professionale (secondo pilastro), in veste di datori di lavoro dovete stipulare altre assicurazioni per i vostri collaboratori. Tra queste vi sono le assicurazioni sociali (AVS/AI/IPG), l'assicurazione contro la disoccupazione (AD) e l'assicurazione contro gli infortuni (LAINF).

Le normative delle assicurazioni di persone, infatti, non sempre sono uguali. A seconda della forma giuridica e del settore vi sono delle differenze.

Panoramica delle assicurazioni di persone

Assicurazione

Indipendenti (impresa  

individuale, società in

accomandita, società in

nome collettivo)

Titolari di una SA o Sagl Collaboratori 

Primo pilastro AVS/AI/IPG

Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio
AD Nessuna copertura possibile Obbligatorio Obbligatorio
Maternità Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio
Cassa d'assegni familiari Nessuna copertura facoltativa possibile Obligatorisch Obligatorisch
Secondo pilastro (LPP, cassa pensioni) Facoltativo Obbligatorio Obbligatorio
Terzo pilastro a/b (risparmio bancario e assicurativo) Facoltativo Facoltativo Facoltativo
Infortunio professionale (LAINF) e infortunio non professionale (INP) Facoltativo Obbligatorio (INP a partire da otto ore settimanali) Obbligatorio (INP a partire da otto ore settimanali)
Cassa malati (assicurazione di base) Obbligatorio Obbligatorio Obbligatorio
Indennità giornaliera in caso di malattia Facoltativo Facoltativo Facoltativo
×