Rischi vita

Un'eredità aiuta a realizzare desideri, mentre gravi eventi mettono a repentaglio il futuro. Divorzio, infortunio, malattia o decesso – pensate alla vostra previdenza.

loading

Malattia – subentra molto più spesso rispetto agli infortuni

In caso di breve assenza di norma si è ben assicurati. Possono verificarsi perdite elevate, se non potete lavorare per un lungo periodo di tempo. Potete provvedere per tale eventualità.

Le prestazioni del primo pilastro (AI) non spettano solo a persone con un'attività lucrativa. Tuttavia, le persone senza attività lucrativa devono provvedere di propria iniziativa a far sì che non risultino lacune di contribuzione (l'importo minimo annuo deve essere versato tramite il contributo del coniuge o direttamente all'AVS). Le cose cambiano nel caso di indennità giornaliere collettive e rendite LPP del secondo pilastro, riservate a persone con un'attività lucrativa.

La situazione è problematica soprattutto per i quattro gruppi seguenti:

  • Persone senza cassa pensioni, p.es. studenti. In caso di invalidità riceverebbero solo una rendita del primo pilastro – al più presto dopo un anno.
  • Persone con reddito basso, p.es. i giovani esercitanti un'attività lucrativa. A causa del loro basso reddito, le prestazioni d'invalidità del primo e del secondo pilastro sono minime.
  • Persone con un reddito elevato (oltre 100 000 franchi l'anno) e una soluzione LPP minima. Poiché il salario assicurato è limitato nella cassa pensioni, le prestazioni di previdenza in caso d'invalidità non raggiungono di gran lunga l'ammontare dell'attuale reddito.
  • Gli indipendenti rispetto ai dipendenti sono sempre svantaggiati per quanto riguarda l'assistenza statale. Pertanto, hanno bisogno di una copertura facoltativa nell'ambito del secondo o del terzo pilastro.

L'ammontare delle rendite dell'AI dipende da tre fattori: dalla soluzione di previdenza del vostro datore di lavoro, dal salario e dal fatto se avete figli che svolgono la prima formazione (max. fino a 25 anni). Attenzione: di norma le prestazioni complessive in caso di malattia sono più basse che in caso di infortunio e spesso non bastano per continuare lo stile di vita abituale.

 

Entità delle prestazioni:

  • Certificato di previdenza: L'ammontare delle prestazioni è riportato nel vostro certificato di previdenza.
  • Obbligo di continuare a pagare il salario: Nei primi giorni il datore di lavoro continua a pagare il salario al 100%. La durata dipende dalla durata dell'impiego e dal contratto di lavoro.
  • Indennità giornaliera in caso di malattia: Successivamente subentra di norma l'indennità giornaliera in caso di malattia pari all'80% del vostro ultimo salario.
  • Rendita dell'AI: La rendita dell'AI viene versata al più presto dopo un anno. L'ammontare dipende dal grado d'invalidità, dal numero di anni di contribuzione e dal reddito annuo medio.
  • Indennità giornaliere: Di regola al più tardi dopo due anni vengono sospese le indennità giornaliere dell'assicurazione d'indennità giornaliera malattia. Eventualmente queste vengono sostituite da una rendita del secondo pilastro.


Durata delle prestazioni

  • L'indennità giornaliera in caso di malattia di regola viene versata per due anni. Dopo il pensionamento ordinario (uomini 65 anni / donne 64 anni) la rendita dell'AI viene convertita in una rendita dell’AVS.
  • Il secondo pilastro in linea di massima versa la rendita dell'AI vita natural durante. Tuttavia, la maggior parte dei fornitori di soluzioni previdenziali, al momento del pensionamento ordinario converte la rendita di invalidità in una rendita di vecchiaia, che non può essere inferiore alla rendita d'invalidità minima.

Lista di controllo: A cosa fare attenzione

  • Lacuna nella copertura: Di regola con le rendite d'invalidità del primo e del secondo pilastro raggiungete solo il circa 60% dell'ultimo salario. Ne risulta una lacuna che potete coprire privatamente nell'ambito del terzo pilastro.
  • Infortuni non professionali: Se lavorate meno di 8 ore a settimana, dovreste assicurarvi presso la vostra cassa malati contro le spese di cura in caso di infortuni non professionali.
  • Ammontare delle prestazioni: L'ammontare delle vostre prestazioni in caso di malattia duratura dipende dalla soluzione di previdenza del datore di lavoro. I dettagli sono riportati nel vostro certificato di previdenza.
  • Terzo pilastro: Persone senza cassa pensioni, con un reddito basso o alto, nonché gli indipendenti spesso hanno prestazioni d'invalidità insufficienti. Per loro è importante un'assicurazione, ad es. tramite il terzo pilastro.
  • Lacuna di contribuzione: Se, in seguito a malattia o infortunio, non potete lavorare per più di tre mesi, rischiate delle lacune di contribuzione nel primo pilastro. Ciò può portare a una riduzione della rendita AVS o AI. In questo caso rivolgetevi alla cassa di compensazione AVS cantonale.
×