Le famiglie svizzere sognano di possedere un’abitazione. Il 73% delle persone che sono oggi in affitto ha interesse ad acquistare un’abitazione di proprietà nei prossimi dieci anni. Le proprie quattro mura permetterebbero ai genitori di avere una maggiore libertà di scelta e spesso garantirebbero anche costi inferiori. La metà degli acquirenti anni esaudisce il proprio sogno di un’abitazione di proprietà tra i 30 e i 35 e per farlo investe in media 212 000 franchi di capitale proprio. In un caso su due sono i parenti a venire in soccorso per il finanziamento a quanto mette in evidenza uno studio rappresentativo di Swiss Life sul tema famiglie e abitazione.

Con una percentuale di abitazioni di proprietà del 43%, la Svizzera è, sul confronto europeo, il fanalino di coda (Eurostat). Swiss Life ha desiderato investigare come le famiglie svizzere si raffrontano con il tema della proprietà d’abitazioni. Le madri e i padri svizzeri sognano un’abitazione di proprietà, nonostante l’elevata percentuale di locatari? E se sì, come finanziano questo sogno? Un totale di 875 genitori con figli che non superano i 18 anni di età ha risposto alle domande di questo sondaggio rappresentativo.

Il 73% delle famiglie svizzere desidera possedere un’abitazione
Delle famiglie intervistate, attualmente solo il 37% vive in una casa o in un appartamento di proprietà. Eppure la stragrande maggioranza sogna di possedere un’abitazione. Il 73% delle persone che sono oggi in affitto ha di norma interesse ad acquistare un’abitazione di proprietà entro i prossimi dieci anni. La percentuale di coloro che ha deciso consapevolmente di rimanere in affitto ad oltranza raggiunge appena il 13% mentre il 14% ha rinunciato al sogno di un’abitazione propria. Chiamate a scegliere la propria abitazione, le famiglie svizzere prestano particolare attenzione alla zona: deve essere tranquilla e a contatto con la natura. Un ruolo giocano anche la dimensione e i costi. Quando l’idea dell’acquisto dell’abitazione viene accantonata, i motivi più frequenti sono la mancanza di capitale proprio (92%) e i prezzi troppo elevati (78%).

Addio padrone di casa, benvenuta libertà di organizzazione!
La maggiore libertà di organizzazione, l’assenza di limiti imposti dal padrone di casa e di conseguenza maggiore libertà di scelta: per le famiglie svizzere queste sono le ragioni più frequenti per preferire un’abitazione di proprietà. Il 60% dei genitori intervistati desidera una casa indipendente, quando vuole avere un’abitazione di proprietà. Il desiderio di acquisto è spesso accompagnato da riflessioni di ordine finanziario: per il 70% è decisivo che i costi mensili siano inferiori a quelli di un’abitazione in affitto.

Gli svizzeri risparmiano in media otto anni prima di acquistare un’abitazione
Per potersi permettere un’abitazione di proprietà, i genitori svizzeri risparmiano in media otto anni. L’acquisto dell’abitazione avviene per quasi la metà degli intervistati (47%) in età compresa tra i 30 e i 35 anni. Circa un quarto effettua l’acquisto prima, il restante aspetta dopo i 35 anni. Quando è giunto il momento, la stragrande maggioranza (92%) finanzia l’acquisto dell’immobile con una combinazione di ipoteca e capitale proprio. Per il 71% degli acquirenti, il capitale proprio investito ammonta a 200 000 franchi o poco meno. Solo il 7% ha un capitale proprio che supera i 400 000 franchi. La media si attesta attorno a 212 000 franchi. L’ammontare medio dell’ipoteca richiesta è di 553 000 franchi.

Finanziamento dell’abitazione agognata: la famiglia è di supporto
Molte famiglie svizzere ricevono aiuto dalla propria famiglia per il capitale proprio. Il 52% degli intervistati ha ricevuto l’aiuto dei genitori o di altri parenti per finanziare l’acquisto dell’abitazione. In totale il 22% delle famiglie con un’abitazione di proprietà ha potuto aggiungere al capitale proprio un acconto della propria quota ereditaria o una donazione. Il 13% ha potuto beneficiare di un’eredità, il 15% di un prestito privato senza interessi e il 6% di un prestito privato con interessi.

Le famiglie attingono soprattutto al conto di risparmio per il capitale proprio
Per mettere assieme il capitale proprio, a seconda delle regioni linguistiche il modo di procedere è differente. Nella Svizzera tedesca, in media il 48% del capitale proprio impiegato proviene dal conto di risparmio. Il 21% proviene da altre fonti come acconti della quota ereditaria e donazioni, eredità e prestiti privati con o senza interessi. Il 13% proviene dall’avere del pilastro 3a, un altro 10% sono prelievi anticipati dalla cassa pensioni. Nella Svizzera romanda la situazione è diversa. In questo caso in media solo il 33% del capitale proviene dal conto di risparmio. Il contributo proveniente da acconti della quota ereditaria e da donazioni, eredità e prestiti privati ammonta al 27%, una quota quindi leggermente superiore a quella della Svizzera tedesca. L’avere della cassa pensioni contribuisce per il 18% al capitale proprio. Gli averi del pilastro 3a contribuiscono solo per il 7% al capitale proprio.

Nel calcolatore del sogno abitativo i piani per acquistare un’abitazione devono scontrarsi con la realtà
Come e quando potrete esaudire il sogno di possedere un’abitazione: il calcolatore del sogno abitativo di Swiss Life è disponibile gratuitamente. Sulla base di alcuni dati sulla situazione finanziaria e sull’oggetto immobiliare desiderato, gli interessati vengono subito a sapere quanto devono ancora risparmiare per poter acquistare l’abitazione in questione e se i loro piani possono trasformarsi in realtà.

Lo studio
Il sondaggio sul tema famiglie e abitazione in Svizzera è stato condotto online dalla società di ricerche di mercato Value Quest su incarico di Swiss Life a maggio 2019. È stato intervistato un campione di 875 persone della Svizzera tedesca e romanda, d’età compresa tra i 25 e i 49 anni, che vive nella medesima economia domestica con partner e figli che non superano i 18 anni di età. I risultati sono rappresentativi per il gruppo target intervistato.

Informazioni

Media Relations
Telefono +41 43 284 77 77
media.relations@swisslife.ch

www.swisslife.ch

Seguiteci su Twitter
@swisslife_ch

Ulteriori informazioni
Trovate tutti i comunicati stampa all'indirizzo swisslife.ch/comunicatistampa

Swiss Life
Il gruppo Swiss Life è un primario offerente di soluzioni previdenziali e finanziarie globali a livello europeo. Nei mercati principali Svizzera, Francia e Germania, Swiss Life, tramite i propri agenti nonché vari partner di vendita (broker e banche), offre alla sua clientela privata e aziendale una consulenza completa e individuale e un'ampia gamma di prodotti propri e di partner.

I consulenti di Swiss Life Select, Tecis, Horbach, Proventus, Fincentrum e Chase de Vere selezionano sul mercato i prodotti adeguati per i clienti, secondo l'approccio Best Select. Swiss Life Asset Managers offre a investitori istituzionali e privati accesso a soluzioni d'investimento e di gestione patrimoniale. Swiss Life assiste sia gruppi multinazionali, con soluzioni di previdenza a favore del personale, sia clienti privati benestanti, con prodotti di previdenza strutturati.

Swiss Life Holding SA, con sede a Zurigo, trae le sue origini dalla Società svizzera di Assicurazioni generali sulla vita dell'uomo fondata nel 1857. L'azione di Swiss Life Holding SA è quotata allo SIX Swiss Exchange (SLHN). Fanno parte del gruppo Swiss Life anche le controllate Livit, Corpus Sireo, Beos e Mayfair Capital. Il gruppo dà lavoro a circa 8600 collaboratori e dispone di una rete di vendita di circa 14 000 consulenti.


Filmato su Swiss Life