Confronto: presenza rispetto ad assenza

I motivi per cui i collaboratori si assentano dal lavoro sono molteplici: malattia, vacanza, incidente, obblighi familiari, maternità o servizio militare. Tali assenze causano oneri e costi legati all'organizzazione. Documentandole, le imprese potranno essere in grado di riconoscere le cause delle assenze. Possono offrire ai collaboratori un sostegno individuale per evitare, ad esempio, assenze prolungate.

original

Accanto alla gestione delle assenze ci sono sempre più imprese che concentrano la propria attenzione non sullo "stato di malattia" ma piuttosto sullo "stato di salute". Alcune pagano addirittura premi di presenza come ricompensa se non si fanno o si fanno poche assenze1. Secondo questo modello una percentuale di assenze ridotta viene interpretata come un successo. Se si affronta più nel dettaglio questa tematica e le conseguenze a lungo termine, si evidenziano subito i possibili effetti collaterali.

Riducendo al minimo il numero di assenze con questo modello, si può arrivare facilmente al presenteismo. Laddove per presenteismo s'intende la presenza sul posto di lavoro nonostante precarie condizioni di salute o altri fattori di disturbo che avrebbero legittimato un'assenza2. Una percentuale elevata di presenze non è necessariamente la prova di uno stato di salute soddisfacente del collaboratore o di un'impresa "sana"1.

La presenza nonostante una capacità di rendimento compromessa può avere effetti negativi. Tra queste perdite finanziarie e diminuzione della produttività, della capacità innovativa, di concentrazione e di rendimento. Il rischio di incidenti o di commettere errori da parte del collaboratore può, inoltre, aumentare in queste circostanze3. Studi hanno evidenziato che le persone che, durante l'anno, si recano al lavoro sei volte o più spesso nonostante una capacità di rendimento ridotta hanno un rischio maggiore del 74% di mancare successivamente per un periodo superiore ai due mesi4. I costi successivi del presenteismo sono fino a dieci volte superiori rispetto a quelli dell'assenteismo5. Le cause del presenteismo sono molteplici: voler portare a termine il lavoro, il senso di responsabilità nei confronti dei clienti e dei collaboratori, il desiderio di non deludere i superiori ed essere all'altezza della stima che è stata riposta in noi1.

Per una nuova filosofia che sposta l'attenzione esclusiva dalle assenze alla presenza in salute e a un'organizzazione del lavoro che supporti lo stato di salute sono centrali, accanto all'autoresponsabilità del collaboratore, il comportamento dei dirigenti e la cultura aziendale. La tematica dovrebbe essere parte integrante della gestione della salute in azienda, per sensibilizzare i collaboratori e i dirigenti maggiormente sul presenteismo – per se stessi e per altri. In particolare i dirigenti dovrebbero essere consapevoli delle possibili conseguenze negative come un maggiore rischio di compiere errori, danni ai rapporti con i clienti e perdita della produttività.

1 Ulich, E. & Nido, M. (2014). Präsentismus – auch ein Ergebnis persönlichkeitsförderlicher Arbeitsgestaltung? In iafob (Hrsg.) Unternehmensgestaltung im Spannungsfeld von Stabilität und Wandel. Neue Erfahrungen und Erkenntnisse. Bd. 2 (2016). Zürich: vdf Hochschulverlag AG.

2 Ulich, E. (2013). Präsentismus. In Wirtz, M.A. (Hrsg.). Dorsch – Lexikon der Psychologie. 16. Auflage (S. 1212). Bern: Hans Huber.

3 Voermans, S. & Ahlers, G. (2009). Präsentismus: Krank zur Arbeit: Was kosten uns „tapfere“ Kollegen? 2. Bremer Fachaustausch „Gemeinsam neue Wege“. Bremen, 30.01.2009.

4Hansen, C.D. & Andersen, J.H. (2009). Sick at work- a risk factor for long-term sickness absence at a later date? Journal of epidemiology and community health, 63 (5), 397-402.

5 Collins, J.J. , Baase, C. M., Sharda, C.E., Ozminkowski, R.J., Nicholson, S., Billotti, G.M., Turpin,  R.S., Olson, M. & Berger, M.L. (2005). The Assessment of Chronic Health Conditions on Work Performance, Absence, and Total Economic Impact for Employers. Journal of Occupational and Environmental Medicine, 47 (6), 547-557.

×