Per chi ha tanti obiettivi ambiziosi non sempre è facile conciliare tutto. Ne è un esempio Marcel Henrion, carpentiere di formazione, sportivo d’élite e imprenditore che spesso, nella vita, ha perso di vista l’essenziale. Sua moglie lo ha comunque sempre appoggiato e oggi Marcel ne apprezza, più che mai, la dedizione.

Sono ormai 20 anni che Marcel Henrion e la moglie Brigitte hanno avviato un’attività in proprio. Oggi la ditta Holzparadies a Möhlin, con i suoi 10 collaboratori, è l’orgoglio della coppia. Non sempre Marcel ha dato il giusto peso alla condivisione di gioie e dolori nella coppia, non sempre ha dedicato il tempo necessario ai propri cari. Non gli è mai piaciuto fermarsi né nello sport, né a livello professionale e privato e ci sono stati periodi della sua vita in cui gli ambiziosi obiettivi lo hanno spinto fino all’eccesso nella pratica dello sport. La sua ambizione lo ha portato a raggiungere prestazioni eccezionali nella pallamano e nella maratona, lasciandosi indietro i concorrenti. Purtroppo, però, a scapito della famiglia.

Solo oggi Marcel realizza come Brigitte gli ha sempre, e nonostante tutto, coperto le spalle, dando prova di grande abnegazione nei confronti della famiglia. Con la decisione, presa a due, di mettersi in proprio, Marcel ha automaticamente ridotto l’eccessiva attività sportiva. Oggi pratica sport insieme alla moglie e qualche anno fa la coppia ha scoperto il golf, disciplina che permette loro di valorizzare il tempo trascorso insieme anziché il risultato. Marcel è ormai una persona più tranquilla e paziente che si gode appieno il tempo che trascorre badando ai quattro nipoti. Con enorme gratitudine recupera ciò che in passato ha trascurato e si gode la vita in piena libertà di scelta. Marcel e Brigitte hanno acquistato una casa in Ticino e stanno rinnovando in proprio due appartamenti destinati, un giorno, ai figli.

 
 
Henrion_Golf_4

Intervista a Marcel Henrion

I coniugi danno prova di spirito imprenditoriale non solo in ambito professionale, ma anche nel privato. Assieme al consulente di Swiss Life hanno, infatti, già pianificato il pensionamento e una liquidazione in capitale che dovrebbe permettere loro di continuare a investire nella ristrutturazione di abitazioni. Secondo loro, per provvedere alla previdenza per la vecchiaia non vi sarebbe niente di meglio degli immobili, che si autofinanziano e producono redditi locativi regolari. 

 
Non so se un giorno andrò in pensione: tutto ciò che faccio, per me, è comunque un hobby.

A dire il vero, c’è stato un tempo in cui Marcel programmava di andare in pensione a 55 anni. Oggi si identifica a tal punto con l’attività svolta in ditta, che ormai la definisce più un hobby che un lavoro. Continua anche a svolgere, come lavoro secondario, l’attività di bagnino. Desidera, comunque, ridurre i ritmi di lavoro, per cui sta a poco a poco diminuendo il grado di occupazione in ditta, con l’intenzione di affidarla, in tutta tranquillità di coscienza, al figlio.

Henrion

Marcel Henrion, 57 anni, è carpentiere di formazione, imprenditore e bagnino, attività, quest’ultima, che svolge a titolo secondario. È sposato con Brigitte da 32 anni. Insieme gestiscono la ditta Holzparadies a Möhlin vicino a Basilea. La passione che i coniugi condividono per l’acquisto e la ristrutturazione di abitazioni riveste un ruolo importante anche per la loro previdenza. Prevedono di richiedere la liquidazione del capitale della cassa pensioni, in modo da collocarlo nell’immobiliare e poter disporre, in futuro, di un investimento sicuro.

Altri siti interessanti

Guida

Pensionamento: smettere prima o lavorare più a lungo?

Per saperne di più

Guida

Pianificazione del budget per la terza età: cosa mi potrò ancora permettere dopo il pensionamento?

Per saperne di più

Guida

Primi passi verso l’autonomia

Per saperne di più