loading

Colmate la lacuna nella previdenza in caso di riduzione del salario

La vita lavorativa non è sempre lineare. Fino al pensionamento può succedere di subire rilevanti riduzioni di salario. La maggior parte è voluta e prevista; in altri casi le riduzioni sono dovute al datore di lavoro.

La vita lavorativa non è sempre lineare. Fino al pensionamento può succedere di subire rilevanti riduzioni di salario. La maggior parte è voluta e prevista; in altri casi le riduzioni sono dovute al datore di lavoro.

Le cause di una riduzione o addirittura la perdita del salario sono:

  • Cambio di lavoro
  • Riduzione del grado di occupazione
  • Maternità
  • Disoccupazione
  • Congedo sabbatico
  • Passaggio all'attività indipendente
  • Pensionamento anticipato
  • Espatrio

 

Tutti questi casi hanno una cosa in comune: senza le necessarie misure determinano una lacune nella previdenza. La riduzione o la perdita del salario, infatti, provocano un minore accumulo di capitale di vecchiaia. Inoltre, si riduce la copertura in caso d'incapacità guadagno e decesso.

Coprire la previdenza con il terzo pilastro

Se prima del pensionamento non lavorate più, versate almeno i contributi minimi per l'AVS e l'AI. I contributi della cassa pensioni per il secondo pilastro, invece, vengono meno. Per colmare la lacuna nella previdenza, avete la possibilità di effettuare acquisti nel secondo pilastro. Oppure scegliete un prodotto del terzo pilastro, ad esempio con un'offerta di Swiss Life.

Link utili

loading
×