Risparmiare sulle imposte con il secondo pilastro

Se avete una lacuna nella copertura del secondo pilastro, potete effettuare un acquisto. I vostri vantaggi: risparmiate sulle imposte. Inoltre, beneficiate di prestazioni più elevate.

Approfittate dei vantaggi fiscali

Possono formarsi lacune nella copertura se per un lungo periodo di tempo non avete lavorato in Svizzera. Ad esempio in caso di maternità, di studio o di congedo sabbatico. Un altro motivo può essere un netto aumento del salario nel corso del tempo. Per effettuare un acquisto nel secondo pilastro, dovete avere una tale lacuna nella copertura. Controllate sul certificato di previdenza della cassa pensioni a quanto ammonta il versamento supplementare massimo possibile.

Vantaggio 1: imposte più basse

Nell'anno in cui effettuate un versamento supplementare nella cassa pensioni beneficate di un notevole risparmio sulle imposte. L'ammontare esatto del risparmio dipende dalla cosiddetta aliquota marginale d'imposta. Essa indica la percentuale delle imposte su ogni franco aggiuntivo guadagnato. Con un'aliquota marginale d'imposta del 25%, un acquisto di 10 000 franchi si riduce di 2500 franchi e vi costa, quindi, solo 7500 franchi.

Tenete presente quanto segue:

  • Si raccomanda di effettuare acquisti facoltativi solo nelle casse pensioni con un  grado di copertura di almeno il 100%.
  • L'ideale è versare gli acquisti nella parte obbligatoria. Le prestazioni nella parte sovraobbligatoria spesso sono peggiori.
  • In alternativa potete colmare lacune esistenti anche nel terzo pilastro (3a o 3b).

Vantaggio 2: prestazioni più elevate

Maggiore è il capitale accumulato nel secondo pilastro, più alta sarà naturalmente la relativa rendita. Con un versamento facoltativo, la prestazione potrebbe aumentare anche prima del pensionamento. Per esempio, è possibile migliorare la copertura del rischio in caso di invalidità o decesso. In questo modo non aumentano solo le rendite in caso di invalidità. Aumentano anche le rendite per i superstiti destinate ai figli (fino a 18 o max. 25 anni) e al coniuge o al partner registrato. Informatevi presso la vostra cassa pensioni a riguardo.

Anche i partner divorziati hanno diritto alla rendita. Tuttavia, solo se il matrimonio è durato almeno dieci anni. Inoltre, nella sentenza di divorzio deve essere riconosciuta una rendita o una liquidazione in capitale.

loading