Numerose giovani famiglie sognano un’abitazione propria. Finalmente un proprio ufficio, una cameretta per ogni figlio e un giardino dove poter godere dell’aria fresca. Tuttavia, al più tardi nel momento in cui si scorrono gli annunci immobiliari, sorge la domanda se ci si può, in effetti, permettere un’abitazione propria. Sara e la sua famiglia hanno esaudito il loro sogno di possedere un’abitazione e ora possono vivere – in piena libertà di scelta – nelle loro quattro mura. Chi tiene conto di alcuni punti può ugualmente riuscirci.

Christoph Jentzsch

Chi, come Sara e la sua famiglia, desidera avverare il sogno di un’abitazione di proprietà, dovrebbe riflettere per tempo sulle possibilità di finanziamento. I cinque consigli che troverete di seguito possono aiutarvi.

1. Pianificare per tempo

Prima di tutto si dovrebbe riflettere su come deve essere più o meno questa casa dei sogni: quante stanze sono necessarie, un garage è sufficiente o ne servono due e poi sarebbe meglio avere un giardino, no? Anche la posizione è importante. Bastano alcuni chilometri fuori dalla città e i prezzi scendono notevolmente. Vale la pena quindi avventurarsi nelle zone limitrofe durante il fine settimana e guardarsi attorno.

2. Fare un primo calcolo

Dopo aver chiarito queste questioni, è possibile fare un primo calcolo sommario che deve prevedere almeno il 20% di capitale proprio, essendo, di norma, possibile finanziare un oggetto immobiliare solo fino all’80% tramite un credito ipotecario. Il capitale proprio può, ad esempio, provenire da averi bancari, dal ricavato dalla vendita di titoli, da averi derivanti dal secondo e dal terzo pilastro o da un acconto della quota ereditaria.

3. Fissare un piano di risparmio

Idealmente si dovrebbe cominciare a risparmiare già molti anni prima, non appena il lavoro e la situazione finanziaria lo permettono. La previdenza vincolata del pilastro 3a sono a questo riguardo una buona opzione. Uno svizzero su tre mette da parte fino a 1 000 franchi al mese per la sua casa dei sogni. Se il capitale proprio non è ancora sufficiente, è consigliabile optare per un piano di risparmio nel quale stabilire esattamente quanto denaro si vuole mettere da parte per raggiungere il proprio obiettivo.

Uno svizzero su tre mette da parte fino a 1 000 franchi al mese per la sua casa dei sogni.

4. Scegliere l’ipoteca

Non appena è stata chiarita la questione del capitale proprio, si dovrebbe riflettere sull’ipoteca. Ci sono diverse possibilità di scelta: ipoteca variabile, ipoteca a tasso fisso, ipoteca LIBOR e ipoteca Combi. I modelli ipotecari si distinguono in particolare per quanto riguarda la flessibilità e la propensione al rischio. Data la complessità della tematica, è consigliabile richiedere una consulenza dettagliata che analizzi la situazione specifica e i desideri della giovane famiglia.

5. Calcolare la sostenibilità

Il prossimo passo è quello di calcolare se i costi legati alla proprietà d’abitazione siano sostenibili per la famiglia. Al momento dell’acquisto di un immobile sono numerose le famiglie che sottovalutano i costi correnti. Ne fanno parte, in particolare, il costo degli interessi, l’ammortamento e le spese accessorie. La regola indicativa vuole che questi costi non debbano superare un terzo del reddito lordo annuo.

È possibile che il sogno di possedere un’abitazione propria si realizzi e che possiate vivere, in piena libertà di scelta, nelle vostre quattro mura. È importanti confrontarsi per tempo con il tema del finanziamento e lavorare in modo mirato per realizzare il proprio sogno. Grazie a una soluzione previdenziale individuale, le famiglie possono guardare al proprio futuro finanziario con tranquillità e godere della vita nelle proprie quattro mura.

Altri articoli interessanti

Guida

Il sogno di una casa propria: ecco come mettere da parte il capitale proprio

Per saperne di più

Guida

Risparmiare sulle imposte con il terzo pilastro: ecco come fare!

Per saperne di più