Siamo nel 2018. Uomini e donne non hanno già da tempo le stesse opportunità e affrontano gli stessi rischi? Martina Gantenbein, esperta di Swiss Life, spiega e svela a cosa dovrebbero prestare attenzione le donne quando si tratta di previdenza per poter avere, anche in futuro, piena libertà di scelta.

Per quanto riguarda le prospettive finanziarie, uomini e donne partono dalla medesima situazione. Il cosiddetto «gender pay gap», ovvero la disparità nei redditi percepiti da uomini e donne, conduce a un «gender pension gap», quindi a una lacuna anche importante nella rendita di vecchiaia. I fattori che portano a questa disparità non sono praticamente modificabili. Avere figli e dover scegliere di passare a un posto a tempo parziale sono la causa più frequente di perdite finanziarie. A queste si aggiungono i classici imprevisti come un divorzio o una perdita di guadagno a causa di un infortunio o di una malattia. Tutti questi sono motivi sufficienti per confrontarsi per tempo con la propria situazione in termini di previdenza. Con questi consigli da donna a donna potrete salvaguardare la vostra indipendenza finanziaria.

1. Prendete in mano le redini della vostra previdenza finanziaria

Quando si tratta della copertura finanziaria, scegliete di affidarvi a voi stesse – non all’AVS, non alle polizze del partner e non al datore di lavoro. Il terzo pilastro offre diverse possibilità per strutturare la previdenza finanziaria in piena libertà di scelta.

2. Fate il punto della situazione per quanto riguarda «entrate e uscite»

Analizzare con uno sguardo critico e onesto le proprie finanze è il punto di partenza per una copertura solida. Di seguito troverete il modo migliore per procedere.

  • Mettete a confronto le entrate e le uscite e calcolate il vostro budget mensile. C’è un potenziale di risparmio che potreste investire nella previdenza?
  • Quali contratti di previdenza, attivi e investimenti sono disponibili? Fatevi aiutare in questa analisi da una consulente previdenziale di comprovata esperienza che vi offrirà la sua consulenza, vi mostrerà eventuali lacune nella previdenza e controllerà le vostre polizze per escludere eventuali soprassicurazioni.
  • Partendo da qui potrete mettere in conto tutte le eventualità: nel prossimo futuro continuerete ad essere single, volete sposarvi o siete già sposate? Avete figli o prevedete di averne? Sarebbe opportuno anche immaginarsi situazioni più delicate come un divorzio o una famiglia patchwork.

3. Controllate le vostre finanze regolarmente

Verificate la vostra previdenza e situazione finanziaria regolarmente con il vostro consulente. Una panoramica aggiornata sulle vostre finanze vi sarà di grande aiuto quando la vostra situazione finanziaria cambierà.

4. Definite gli obiettivi di risparmio in modo chiaro

Qualunque sia il risultato dell’analisi del vostro budget, è sempre saggio risparmiare. Definite obiettivi di risparmio a breve, medio e lungo termine e investite il vostro denaro di conseguenza. I conti di risparmio sono particolarmente adatti per obiettivi di risparmio a breve termine. Gli investimenti rientrano di norma in una strategia a medio termine, mentre le polizze sono pensate per il vostro futuro finanziario. Affinché risparmiare risulti anche piacevole, vi consigliamo di tenere presenti i vostri desideri. In questo modo non avrete mai la sensazione di rinuncia.

5. Proteggetevi dalle conseguenze di un’incapacità di guadagno

Le donne hanno lottato duramente per il proprio futuro professionale. Un infortunio o una grave malattia possono mettere in pericolo di colpo la vostra indipendenza finanziaria. Un peso che si ripercuote anche sulla salute mentale e rallenta quindi la guarigione. Le donne single sono particolarmente svantaggiate in tale situazione, ma anche una famiglia ha difficoltà a reggere tale carico. Provvedete anche in questo caso per tempo, prima che i risparmi per la vecchiaia vadano in fumo.

6. Garantite la vostra ipoteca

Le ipoteche rappresentano un elevato rischio finanziario soprattutto per le donne dato che, nella maggior parte dei casi, vengono accese con il partner. Nessuno ne parla volentieri. Eppure una donna dovrebbe tener conto anche di questo «worst case scenario» per tempo. Posso sostenere l’ipoteca anche in caso di decesso del partner? Il nostro calcolatore della sostenibilità finanziaria per il calcolo del capitale di decesso fa chiarezza.

7. Pensione: non perdete mai di vista il prima pilastro (AVS)

A quanto ammonta la quota obbligatoria della vostra rendita da parte dello Stato? Ordinate un estratto dal vostro conto individuale, verificate se tutti gli anni di contribuzione sono stati versati e quali prestazioni potete aspettarvi al momento del pensionamento. È inoltre possibile versare cinque anni retroattivamente.

8. Coprite le lacune previdenziali

Le donne optano molto più spesso per modelli di tempo parziale rispetto agli uomini, inoltre in caso di attività indipendente o di disoccupazione non vengono versati contributi sufficienti nella cassa pensioni. Investite l’importo che risparmiereste se aveste un lavoro con un grado d’occupazione completo, in aggiunta al pilastro 3a in una previdenza individuale libera: il pilastro 3b. Includete un esonero dal pagamento dei premi in caso di incapacità di guadagno, in modo che l’obiettivo di risparmio sia raggiunto in qualsiasi caso. Qui troverete informazioni sul sistema pensionistico svizzero.

9. Sfruttate appieno il pilastro 3a

Chi versa ogni anno nel pilastro 3a, può beneficiare di riduzioni fiscali. Le donne che hanno un’attività indipendente o lavorano part time possono investire, beneficiando di una riduzione fiscale, il 20 per cento del proprio reddito nella previdenza vincolata. L’importo massimo per le donne che hanno un impiego ammonta a 6 768 franchi; le donne con un’attività indipendente possono dedurre dalle imposte fino a 33 840 franchi.

10. Pianificate per tempo il vostro pensionamento

Quanto prima vi organizzate, meglio è. Iniziate quindi a pianificare già dieci anni prima dell’età di pensionamento ordinaria. In questo modo potrete reagire prontamente di fronte a difficoltà finanziarie prevedibili in terza età. Eventualmente è possibile pensare anche a un pensionamento anticipato.

frau_gantenbein2
Consulente finanziaria di comprovata esperienza

Martina Gantenbein collabora con Swiss Life da oltre dieci anni. È specialista diplomata nella previdenza per clienti privati e aziendali e, attualmente, offre la sua consulenza ai clienti dell’agenzia generale Uster. La signora Gantenbein ha 34 anni e ha due figli. Grazie alla sua esperienza sa che, per quanto riguarda la previdenza, le donne devono riguadagnare il tempo perso e prendere in mano le redini della propria previdenza – in piena libertà di scelta.

Altri siti interessanti

Guida

Faccio fruttare il mio denaro: i dieci migliori consigli in tema d’investimento

Per saperne di più

Impegno

Il Lotto ha un nuovo milionario: io!

Per saperne di più

Persone

Andreas Caminada

Per saperne di più