Lasciare il mondo della finanza per passare alla vita contadina. Niels Rodin ha compiuto questo passo oltre 18 anni fa, e con successo! L’ex direttore di una banca privata della Svizzera romanda è l’unico produttore di limoni in Svizzera e oggi tra i suoi clienti può annoverare numerosi chef. Abbiamo parlato con il re dei limoni del coraggioso passo verso l’indipendenza.

Niels Rodin è nella sua serra a Borex VD, vicino a Nyon. Questo coltivatore di limoni appare incredibilmente rilassato, calmo e nel suo elemento. Su un’area di 1,5 ettari, tra le oltre 150 varietà di agrumi, si sente visibilmente a suo agio. Tratta ognuna delle sue piante con molto amore e attenzione: si percepiscono la sua pazienza e la passione che dedica a ognuno di questi frutti.

Questa offerta online è disattivata, dato che lei si trova al di fuori della Svizzera. Impostazioni cookie

Signor Rodin, perché un banchiere decide improvvisamente di diventare coltivatore di limoni?
Mi è sempre piaciuto stare in giardino e ho una grande passione per la cucina. Un giorno mi sono avventurato nell’esperimento di preparare il limoncello in casa. La ricerca della varietà di limone ideale per il liquore mi ha aperto un mondo completamente nuovo, che mi ha interessato, o meglio affascinato, fin dall’inizio. E da allora non ho più smesso.

Allora ha deciso spontaneamente di mettersi in proprio?
No, no… il cammino verso l’indipendenza è stato lungo e, ovviamente, non è avvenuto da un giorno all’altro. Ho impiegato molto tempo a prendere questa decisione. All’inizio ho trascorso tutto il mio tempo libero a studiare gli agrumi: ogni minuto libero (la sera, il fine settimana e le vacanze) era dedicato a questi frutti esotici. Solo dopo circa 15 anni ho osato rinunciare al mio lavoro sicuro per dedicarmi all’agricoltura biologica.

C’è stato un particolare fattore scatenante?
Sì, due situazioni mi hanno fatto capire che era giunto il momento di cambiare qualcosa nella mia vita.
Tra l’altro, una situazione quotidiana durante il mio lavoro di allora mi ha fatto capire che non appartenevo più a quel mondo e che era arrivato il momento di cambiare.

Aveva paura di fare questo passo?
Oh, ovviamente avevo molta paura. Se si è lavoratori dipendenti, alla fine del mese si riceve automaticamente il proprio salario, indipendentemente dal successo conseguito. Per un imprenditore indipendente la situazione è diversa. Si lavora ininterrottamente: ogni giorno, ogni minuto e anche nel fine settimana. Si è trattato di un grande cambiamento e di un salto nell’ignoto non solo per me, ma anche per la mia famiglia.

rodin_test_8x8
Libertà di scelta per me significa poter strutturare la mia attività come ritengo opportuno.

Nonostante tutte queste preoccupazioni, dove si trova il coraggio per fare questo passo?
Sono una persona molto positiva e credo sia importante rimanere sempre ottimisti e non perdere la volontà o la fiducia in ciò che si fa. Lungo la mia strada ci sono stati successi, ma anche dure sconfitte. Ho dovuto imparare a non lasciarmi intimorire e a rimanere ottimista.

Ci sono aspetti della sua “vecchia” vita di cui sente la mancanza?
Naturalmente ci sono cose che un tempo erano più semplici e migliori. Ad essere onesti, ad esempio, il denaro. Ora alla fine del mese non rimane più tanto quanto allora, ma ho imparato a vivere con meno e devo dire che oggi mi sveglio ogni mattina e sono felice. E questo vale sicuramente più di tutto il denaro del mondo. Direi quindi che con meno soldi si vive meglio, almeno così è per me.

Per cosa spende di più?
Oh, certo: nuove piante e nuovi frutti. Sono un collezionista e non ne ho mai abbastanza. Non appena scopro qualcosa di nuovo, devo averlo, provarlo e coltivarlo da me.

E la sua sicurezza finanziaria?
Come agricoltore sono sempre fortemente dipendente dalla natura e dall’economia. Quest’anno, per esempio, è stata un’ottima stagione sotto il profilo meteorologico. Ciò significa che, grazie a un buon raccolto, posso guardare con fiducia a quest’anno e al prossimo. Tutto il resto è fuori dal mio controllo e devo prenderlo come viene.

Rodin_gif_IT.gif

Lei è agricoltore biologico e punta sulla biodiversità. Quanto è importante per lei l’aspetto della sostenibilità?
Per me la sostenibilità ha sempre avuto la massima priorità. Fin dall’inizio abbiamo coltivato biologicamente e, ad esempio, usiamo l’energia solare e l’acqua piovana per le nostre piante, semplicemente perché ci sta a cuore. Tuttavia, ottenere la certificazione di agricoltura biologica non era un obiettivo. Lavoravamo molto con professionisti che ci conoscevano bene e sapevano che coltiviamo in modo ecologico. Quando poi ci siamo aperti ai clienti privati, ci siamo resi conto che la certificazione è molto importante. L’etichetta garantisce ai clienti che siamo un’azienda biologica.

Cosa significa per lei libertà di scelta?
Libertà di scelta per me significa poter strutturare la mia attività come ritengo opportuno. Per me è importante che tutti vincano: l’ambiente attraverso una coltivazione sostenibile, i clienti attraverso buoni prodotti e i miei collaboratori e io attraverso un’occupazione e una retribuzione ragionevoli. Poter influenzare tutto questo per me significa libertà di scelta.

Cosa consiglia alle altre persone che pensano di mettersi in proprio?
È importante cercare sin dall’inizio lo scambio con altre persone che hanno già percorso questa strada o che vogliono farlo. Ora ho un’ampia rete di contatti, ma non è sempre stato così. Credo che questo scambio mi abbia aiutato enormemente all’inizio della mia attività indipendente. L’esperienza insegna che le imprenditrici e gli imprenditori si trovano di fronte agli stessi problemi.

Niels Rodin (41 anni) è l’unico produttore di limoni in Svizzera. Nella sua fattoria biologica a Borex VD coltiva più di 150 varietà di agrumi. Attualmente, ogni anno nelle sue serre raccoglie circa una tonnellata di agrumi. Oltre ai privati, tra i suoi clienti figurano chef stellati come Andreas Caminada.

Qual è la sua pianta preferita?
È semplice: fin dall’inizio è lo yuzu. Ho scoperto questo frutto 15 anni fa da una giapponese che una volta all’anno li portava in Svizzera dal Giappone. Sin dal primo morso, il gusto dello yuzu non mi ha mai abbandonato e lo amo ancora oggi.

Se potesse esprimere un desiderio per il futuro, cosa sarebbe?
Mi auguro che un maggior numero di giovani scopra il mestiere dell’agricoltore, che venga da noi, impari e porti avanti la nostra attività. Al momento sono l’unico produttore di limoni in Svizzera. Sarei felice di condividere le mie conoscenze.

Fissare un colloquio di consulenza

Un colloquio personale vi darà l’opportunità di trovare le soluzioni adatte alle vostre esigenze.

Altri siti interessanti

Persone

Anne Challandes: «Il denaro che possiedo non mi definisce»

Per saperne di più

Persone

I distributori di sementi della nazione

Per saperne di più

Persone

«Per me ciò che conta è la tranquillità finanziaria, non la ricchezza materiale»

Per saperne di più