Tony e Bettina vivono in piena libertà di scelta in un immobile di 470 anni sulle sponde del lago di Zurigo. Suona più lussuoso di quanto non lo sia, dicono, perché c'era molto da ristrutturare Abbiamo fatto visita a Bettina e Tony nella loro casa storica.

Wohntraum_Nueschelers_3

«Ci consideriamo molto fortunati. Abbiamo tutto quello che volevamo», afferma Tony e sorride soddisfatto. Sua moglie Bettina siede accanto a lui e annuisce. 

La casa storica 

La coppia parla della casa in cui ha vissuto negli ultimi 28 anni: un immobile antico a Erlenbach nelle dirette vicinanze del lago. «Molti pensano che viviamo isolati o addirittura nel lusso», racconta Bettina. Eppure la casa si trova nel centro storico del villaggio, circondata da negozi e dalla vita del paese. «Sappiamo quasi tutto quello che succede a Erlenbach», racconta Tony. Nella vicina piazza comunale, che nel frattempo è diventata zona pedonale, si svolgono le più svariate manifestazioni: dalla sagra del villaggio alla festa del 1° agosto e al cinema all’aperto.


Quando i Tony e Bettina si trasferirono a Erlenbach nella metà degli anni Novanta, conoscevano bene il paese perché Tony ci aveva già vissuto: prima insieme ai genitori, poi in una comunità di inquilini e per un periodo con la propria famiglia. 


Poi la famiglia si è trasferita per quattro anni a Zurigo e dopo la nascita delle gemelle è tornata nel Comune lacustre. Alcuni ex vicini avevano informato i Tony e Bettina che c’era in vendita una casa nel centro storico del paese. «Era praticamente un rudere», ricorda Tony. Anche l’immediata vicinanza a un ristorante, che nel frattempo è stato chiuso, scoraggiava molti acquirenti. Il prezzo d’acquisto era realistico.

Wohntraum_Nueschelers_6
Wohntraum_Nueschelers_6a
Wohntraum_Nueschelers_4
Wohntraum_Nueschelers_13

Bettina e Tony videro il potenziale in questa casa antica di 470 anni. La coppia pianificò i lavori di ristrutturazione insieme a un architetto. «Abbiamo restaurato la casa un passo alla volta», ricorda Tony. In alcuni punti la casa era in condizioni peggiori di quanto avevamo pensato all’inizio. «Avremmo voluto conservare una maggiore quantità dei vecchi materiali edili, ma semplicemente non è stato possibile», afferma Tony. 

Wohntraum_Noeschelers_Zitat
Siamo comunque riusciti a salvare quello che ci stava veramente a cuore.

In fondo la ristrutturazione è riuscita bene, anche sul piano finanziario. Bettina: «La casa non è lussuosa, ma ha molto fascino.» Anche l’arredamento, che in gran parte è composto da mobili antichi. «Non volevamo un tempio del design», spiega. 

I Tony e Bettina conoscono bene la storia della loro casa: originariamente era collegata al vicino edificio con l’attività gastronomica che si trovava direttamente sul lago. Allora il muro del giardino confinava con l’acqua. Prima che fosse trasformato in un ristorante, l’edificio serviva per immagazzinare e spedire merci. Per un certo periodo era adibito per il commercio del pesce, poi come ufficio postale e anche come stazione di polizia con annessa prigione. 

«Questa casa ne ha viste di tutti i colori», riassume Bettina la storia avventurosa dell’immobile. 

Oggi la casa è tranquilla. Nel frattempo le tre figlie della coppia si sono trasferite. Un amico vive in un appartamento separato. «Spesso i nostri ospiti dicono che venire da noi è come stare in vacanza», racconta Tony. Effettivamente, il cortile interno verdeggiante ricorda l’Italia, e i rumori del lago di Zurigo il mare. «Da quasi tutte le camere si vede l’acqua», afferma Bettina. Lo sguardo che si perde all’infinito ti fa respirare liberamente.

Wohntraum_Nueschelers_10
Wohntraum_Nueschelers_17

Calcolatore del sogno abitativo

Il nostro calcolatore del sogno abitativo gratuito vi mostra con pochi clic se potete permettervi l’immobile dei vostri sogni. Quanto dovete ancora risparmiare? L’acquisto è già possibile? Calcolatelo.

«Con i suoi oltre 250 metri quadri la casa è diventata troppo grande per noi», afferma Tony. Abbiamo in programma di dividerla in due appartamenti, così come era stata concepita originariamente. «Ci verranno ad abitare le gemelle con le loro famiglie», aggiunge Bettina.

Il presupposto per un cambio di domicilio era che la casa rimanesse in famiglia. Tony e lei si trasferiranno in una nuova costruzione che realizzeranno con alcuni amici a Erlenbach. Anche lì possono vivere in piena libertà di scelta: a dieci minuti a piedi dalla casa in cui vivono oggi. Il cambiamento crea comunque sensazioni ambivalenti, ammette Tony. «La pianificazione del nuovo edificio e le discussioni in famiglia sono state un processo lungo.» In questi mesi Bettina e Tony si godono ancora più intensamente la casa e soprattutto la vicinanza al lago, prima di aprire, in autunno, un nuovo capitolo della loro vita.

Libertà di scelta significa abitare a modo mio

Insieme al nostro partner convenzionato, nelle nostre storie sui sogni abitativi presentiamo personalità interessanti a casa loro, che vivono in piena libertà di scelta. 

Testo: Eva Hediger, foto: Jasmin Frei.

Sognate un’abitazione propria?

Vi aiutiamo nella pianificazione del finanziamento e saremo lieti di spiegarvi come realizzare il sogno di un’abitazione di proprietà. Fissate subito un colloquio senza impegno con un consulente di Swiss Life.





Altri siti interessanti

Guida

Test sul tipo di abitazione

Per saperne di più

Persone

La homestory di Janine Klingenstein: il grande sogno di una casa piccola

Per saperne di più

Guida

Ammortamento di un’ipoteca: le risposte alle domande più importanti

Per saperne di più